Thursday, 29 October 2009

La città dei ricchi


Circa due settimane fa per caso incontriamo una mia ex compagna del college a passeggio per Cambridge e chiaccherando mi ha detto una cosa che mi ha fatto riflettere, Cambridge è una città per ricchi. Quando poi ci siamo salutate e ho continuato il mio giretto per il centro con Francesco mi sono guardata intorno e pensavo che in effetti aveva proprio ragione.

Pur essendo una piccola e deliziosa cittadina Cambridge offre ai suoi cittadini servizi e negozi un pò cari per le sue dimensioni. Al centro trovi negozi che vendono cioccolata cara come l'oro (ce ne sono 3); il Disney Store, un negozio per peluches personalizzati minimo da 40£, l'Apple Store, negozi di oggettistica varia cari quanto inutili e monomarca prestigiosi come Guess, Calvin Klein, Lk Bennet e Mac. Quest'ultimo per esempio è un marchio top nel make-up, normalmente i makeup artist usano questi prodotti per l'alta qualità ma anche per l'alto costo (un ombretto costa 15£, i pennelli vanno da un minimo di 10£ ad un massimo anche di 100£ l'uno) in Italia sono minuscoli e difficili da trovare anche nelle grandi città e perfino a Londra non l'ho mai visto, non capisco che ci fanno negozi di questo calibro in una piccola realtà come Cambridge.

Se parliamo di affitti c'è da mettersi le mani nei capelli, un'appartamento "one bedroom" vale a dire cucina, bagno, soggiorno/salotto/ingresso e camera da letto va da un minimo di 700£ al mese senza utenze e tasse (già solo la tassa sull'affitto è circa 90£ al mese) non centrale. Se uno vuole spendere la metà e avere anche una stanza in più deve andare in uno dei desolati paesini vicino Cambridge dove veramente hai le caprette che ti fanno ciao.

I trasporti sono cari e offrono un servizio pessimo. Un abbonamento mensile costa £40 confrontandolo con quello di Londra £50 (autobus tutta la linea) è un vero furto.

Studiare qui costa molti soldi ed è complicato arrivarci, le università sono frequentate per la maggior parte da gente molto facoltosa l'unica accessibile è l'Anglia Ruskia dove ci vanno di solito gli stranieri che poi è cara lo stesso e offre insegnamento pessimo (mi è stato detto) ma basta che paghi e sei dentro, se non c'è posto fanno si stringono e fanno spazio per te. :S
Perciò se non avete le tasche piene di soldi, non avete lavoro o non fate Hilton di cognome non vi consiglio di trasferirvi qui.

3 comments:

CyberLuke said...

Da come la descrivi, sembra simile a parecchie città di provincia italiane, la prima che mi viene in mente è Parma, che conosco piuttosto bene, dove anche qui, se non sei più che agiato, hai difficoltà a fare le cose e muoverti in giro... per non parlare di quello che la gente "si aspetta" da te, in termini di status symbol più o meno obbligatori.
Ma, coraggio... non credo resterete a Cambridge tutta la vita. ;)

Nicla said...

:O

alessandraclerico said...

A me viene in mente Porto Cervo, una frazione che conta si e no 200 abitanti ed è diventata il centro commerciale/resort dei vip. Che tristezza! Alla fine Cambridge è il mall degli studenti straricchi figli di papà.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...